Quanto influisce l’abitazione sul clima? | key4.ch

Verifica dei fatti: quanto influisce l’abitazione sul clima?

@Getty Images
23.03.2022 | 3 Minuti

Molti di noi sanno che l’alimentazione e il consumo hanno un impatto sul clima. Ecco perché alcune persone rinunciano alla carne e non inseguono più ogni tendenza della moda. Ma che dire delle nostre abitazioni?  Il modo di vivere in casa ha un impatto significativo sulle emissioni di gas serra e quindi sull’ambiente?

Affermazione: le abitazioni influenzano l’impronta ecologica.

Meglio svelare subito l’amara verità: sì, avere un tetto sopra la testa danneggia automaticamente il clima. Dopo il consumo, la mobilità e il cibo, l’abitazione è al quarto posto nella lista delle maggiori cause dell’effetto serra. Le nostre case sono responsabili di circa un quarto dell’inquinamento ambientale in Svizzera. Soprattutto, il riscaldamento e il consumo generale di energia sono tra i maggiori fattori di inquinamento nel contesto delle abitazioni. Secondo l’UFAM, ogni anno la popolazione svizzera produce circa 1,63 tonnellate di CO2 e consuma 5000 watt di energia solo vivendo in casa. Tuttavia, la proporzione in cui le proprie quattro mura inquinano l’ambiente dipende da vari fattori. Dal metodo di costruzione, alla superficie abitata fino al tipo di impianto di riscaldamento installato, tutti questi fattori influenzano lo standard di vita ecologico. Come inquilino, spesso è difficile influenzare questi aspetti. Per chi possiede la propria abitazione, invece, esistono svariati modi per ridurre l’impronta ecologica.

La prima pietra sostenibile viene posata già durante la costruzione

L’ecobilancio viene già influenzato durante la costruzione dell’abitazione di proprietà. Le emissioni di CO2 prodotte e l’energia consumata in questo processo influenzano quanto sarà sostenibile il modo di abitare alla fine. Nella costruzione di una casa o di un appartamento si consuma una grande quantità di risorse. Anche il fatto che si tratti di materiali rinnovabili o artificiali influenza l’impronta. Il legno, per esempio, è molto più sostenibile del cemento.

La sostenibilità di un immobile può essere migliorata anche retrospettivamente – persino negli edifici più vecchi: per esempio, attraverso una ristrutturazione o un rinnovamento mirato. In Svizzera, circa un milione di case sono isolate così male che sarebbe necessario un rinnovamento energetico. Spesso, ad esempio, le case costruite prima del 2000 non soddisfano gli standard odierni in termini di isolamento (fonte: energie-experten.org). Un tale investimento potrebbe ridurre notevolmente il consumo di energia e quindi le emissioni di CO2 prodotte dalle abitazioni.

Ogni metro quadrato influisce sulle emissioni

La maggior parte della gente in Svizzera desidera più spazio in cui abitare – e non solo dopo la pandemia di coronavirus. Tuttavia, come sottolinea l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), le emissioni di gas serra aumentano con ogni metro quadrato in più. Particolarmente importante è il numero di persone che occupano contemporaneamente un’area. Quindi, se volete preservare le risorse della terra, è una buona idea pensare di ridurre il vostro spazio vitale o di condividerlo con altri. La raccomandazione dell’UFAM è di circa 35 m2 a persona.

Una casa troppo calda ha un impatto negativo sul bilancio climatico

L’influenza del riscaldamento sul bilancio climatico viene spesso sottovalutata. In media, ogni anno, si emettono circa 1,6 tonnellate di CO2 a persona tramite il riscaldamento. A incidere particolarmente sono i sistemi di riscaldamento a gasolio, con emissioni di 4,7 tonnellate di CO2 all’anno, e gli impianti di riscaldamento a gas naturale, che producono circa 3,6 tonnellate di CO2 all’anno. Come spiega il WWF, è più ecologico riscaldare direttamente con l’energia solare, una pompa di calore oppure una stufa a pellet o a legna. Chi possiede una proprietà per piani può influire solo in misura limitata sulla scelta del riscaldamento. La situazione è diversa se siete proprietari di una casa. Se state pensando di cambiare il vostro impianto di riscaldamento, è consigliabile informarsi sulle sovvenzioni disponibili nel vostro cantone di residenza. Alcuni cantoni sostengono questi progetti con contributi.

Se si vuole contribuire in modo più semplice, si può già ottenere molto non accendendo il riscaldamento al massimo anche in inverno, ma utilizzandolo solo lo stretto necessario. Come illustra il WWF, una riduzione di due o tre gradi è di solito sufficiente per un impatto positivo. Come regola generale, si può tenere presente che la temperatura interna non dovrebbe mai superare i 21 gradi.

Volete sapere anche voi qual è la vostra impronta personale? Allora fate il test.

L’elettricità verde è la soluzione al nostro problema climatico?

Per il computer portatile al lavoro, la ricarica dello smartphone o anche una serata davanti alla TV: al giorno d’oggi, l’energia è necessaria costantemente e in grandi quantità. Acquistando elettricità verde, il consumo di CO2 può già essere influenzato positivamente. Ma chiunque acquisti ora elettricità verde per un’abitazione sostenibile dovrebbe essere consapevole che l’alternativa migliore non esce necessariamente dalla presa di corrente. Questo perché si tratta sempre di un mix di tutta l’offerta di elettricità. Carbone, nucleare, energia eolica, solare e idroelettrica: c’è tutto questo quando si acquista elettricità. Indirettamente, però, una persona che acquista elettricità verde sta comunque dando un contributo importante. Questo perché farà aumentare la domanda di alternative più sostenibili e i fornitori le promuoveranno di conseguenza. Alla fine dei conti, questo renderà generalmente più verde il mix di elettricità in Svizzera. 

Vale la pena acquistare nuovi elettrodomestici

Abitare in modo più sostenibile significa anche dare un’occhiata al consumo energetico degli elettrodomestici. Se vecchi e inefficienti, elettrodomestici come frigoriferi, congelatori, lavatrici e asciugatrici possono essere veri e propri divoratori di energia. Chiunque voglia migliorare la propria abitazione di proprietà in modo ecologico dovrebbe anche tenere sotto controllo questi dispositivi. Nuove classi di efficienza energetica sono in vigore in Svizzera e nell’UE dal 2021. Ogni elettrodomestico ha un adesivo con una scala che indica quanto è efficiente il suo consumo di energia. G indica la categoria peggiore, mentre A+++ la migliore.

Conclusione: esatto, l’abitazione ha un impatto sulla propria impronta ecologica. .

Oltre al consumo e all’alimentazione, il modo in cui si vive in casa è davvero un fattore significativo che può avere un grande impatto sull’ambiente. Il lato positivo: i proprietari di abitazioni, o coloro che vorrebbero diventarlo, hanno molte opzioni per minimizzare il loro impatto negativo sull’ambiente.


Questo articolo è stato utile?
Grazie per il vostro voto!


Altri articoli sul tema


Pronti per la migliore offerta?


Rimanga aggiornato

Legga regolarmente articoli interessanti e riceva consigli utili su tutti gli aspetti dell’acquisto di una casa o di un appartamento.

Abbonarsi alla newsletter key4

Il nostro sito web utilizza cookie per offrirle la miglior esperienza di navigazione. Trova maggiori informazioni nella Dichiarazione sulla riservatezza. Può modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni di privacy. Verso le impostazioni di privacy